Lotrèk
23 July 2020

Gestione del feed XML su Google Shopping e WordPress


Susanna  profile image
Human:
Susanna 
Tempo
di lettura
4'

Ecco come ottimizzare la tua campagna Google Shopping e velocizzarne la gestione con l’automazione dell’invio del feed XML da WordPress a Google Merchant Center.

Le campagne Google Shopping sono uno strumento di advertising messo a disposizione da Google: portano traffico di qualità sul sito e aiutano a aumentare le conversioni dei siti e-Commerce. Ne avevamo già parlato nella nostra guida su Google ADS, ma in questo articolo vogliamo entrare nello specifico, condividendo qualche dritta su come gestire in maniera veloce e snella il feed XML.  Partiamo dall’inizio e scopriamo in cosa consiste e come si struttura una campagna Google Shopping. 

Campagna Google Shopping: di cosa si tratta?

Le campagne Google Shopping si configurano come una sorta di motore di ricerca che permette ai proprietari di un e-Commerce di presentare i loro prodotti in maniera accattivante. 

Le campagne Google Shopping possono comparire tra:

  • i risultati di ricerca di Google
  • sui siti partner di Google (se compresi nella campagna)
  • nel network di Google Display (YouTube, Gmail e Google Discover)
  • nella tab Google Shopping 

Ad oggi le campagne Google Shopping sono disponibili in oltre 40 Paesi.

Vediamo nel dettaglio in cosa consistono.

Con le campagne Shopping, quando un utente cerca un prodotto, Google gli mostra gli annunci più pertinenti. Nello screenshot, ad esempio, vediamo i risultati che compaiono quando si cerca “t-shirt bianca donna”. Se un utente clicca su uno degli annunci, finisce direttamente sulla pagina del prodotto sul sito e Google attribuisce un costo solo a click effettuato o quando viene effettuata una conversione, a seconda della strategia impostata. Attualmente comunque la tipologia di campagna Google Shopping più potente e performante è la Smart Shopping che si basa su un sistema di offerta automatico. 

Esempio di campagne Google Shopping

Esempio di una campagna Google Shopping

Ogni annuncio di una campagna Google Shopping contiene:

  • immagine
  • titolo 
  • prezzo
  • link verso la pagina del prodotto
  • nome del negozio
  • altre informazioni più specifiche come le recensioni o i costi di spedizione

Ma come comunichiamo tutte queste informazioni a Google? Beh, con quello che diventerà in nostro migliore amico: il feed XML dei prodotti gestito sul Google Merchant Center.

Google Merchant Center e feed XML

Il Google Merchant Center è il luogo delle magie. Si tratta del pannello con il quale si invia il feed XML dei prodotti che si intende promuovere. Il feed XML della campagna Google Shopping consiste nella lista dei prodotti che vendi e deve rispettare un formato specifico richiesto da Google

Pensa a un file Excel con tante colonne nelle quali inserire delle informazioni utili a creare gli annunci della campagna Shopping. Nello specifico, è necessario inserire:

  • ID: l’ID univoco che contraddistingue il prodotto
  • Titolo: il nome del prodotto che deve essere ottimizzato e scritto seguendo e rispettando le ricerche fatte degli utenti
  • Descrizione: un testo che racconti le caratteristiche del prodotto
  • Categoria del prodotto: da scegliere tra le categorie predefinite proposte da Google. Ecco la lista aggiornata delle tassonomie delle categorie di Google
  • Link verso la pagina del prodotto
  • Disponibilità del prodotto (in stock oppure no)
  • Prezzo
  • Prezzo scontato
  • Immagine del prodotto

Google Merchant Center

Google Merchant Center

L’enorme vantaggio è che non è necessario scrivere il testo dell’annuncio come richiesto nelle campagne Rete di Ricerca. Con le campagne Google Shopping l’annuncio viene generato automaticamente quando l’algoritmo di Google processa il file del feed XML che abbiamo inviato tramite il Google Merchant Center. A seguito della ricerca effettuata dall’utente, Google farà il match tra l’esigenza espressa e i prodotti proposti con il feed XML e mostrerà l’annuncio. 

Ecco un esempio del flusso:

  • tramite il Google Merchant Center si invia il feed XML di un e-Commerce che vende t-shirt da donna
  • un utente cerca “t-shirt bianca da donna in cotone”
  • l’algoritmo di Google, scansionando il feed, seleziona una t-shirt bianca dall’e-Commerce, crea l’annuncio Shopping e lo mostra all’utente
  • l’utente vede l’annuncio, ci clicca e entra nell’e-Commerce
  • Google addebita il costo del click

Creare e gestire il feed XML per una campagna Google Shopping

Come avrai capito, per il buon funzionamento e l’ottimizzazione di una campagna Google Shopping la corretta compilazione e gestione del feed XML è cruciale. Come già detto, Google è piuttosto esigente rispetto al formato da rispettare e alle informazioni da inserire: se non si rispettano queste regole, il feed XML non verrà approvato, gli annunci non saranno creati e, di fatto, la campagna non partirà.

Nella creazione delle campagne Google Shopping, la gestione del feed XML ci ha sempre richiesto molto tempo e molte energie. Soprattutto nel caso di e-Commerce con tanti prodotti, con nuovi arrivi continui o con promozioni periodiche, gli interventi di aggiornamento da fare sul feed per avere sempre una lista di articoli aggiornata ci risucchiava molto tempo. 

Per ovviare a questa problematica, abbiamo coinvolto le brillanti menti del nostro reparto di web developing e abbiamo esposto la nostra esigenza: automatizzare il feed XML dei prodotti così da risparmiare del tempo utile da dedicare all’ottimizzazione della campagna Google Shopping. I colleghi non hanno tardato a trovare una soluzione efficace!

La gestione automatica del feed XML su WooCommerce 

WooCommerce è il plugin di WordPress utile alla creazione di un e-Commerce. Essendo caratterizzato da una gestione molto semplice, lo usiamo spesso in agenzia per la realizzazione di negozi online di piccole e medie dimensioni.  

Il nostro team di web developer ha sviluppato un microservizio interno per la generazione dei file XML che riusciamo a integrare su tutti i nostri progetti realizzati con WooCommerce.

Ecco qualche specifica tecnica per i più nerd ;)

Il microservizio gira sul server del sito come container Docker indipendente e periodicamente esegue uno script dedicato alla creazione dei file XML per campagne: lo script inizialmente immagazzina le informazioni di tutti i prodotti presenti effettuando richieste HTTP alla REST API di WooCommerce, successivamente genera i file confrontando i prodotti ottenuti con la nostra configurazione personalizzata. Se vuoi approfondire, ecco per te la documentazione di GitHub sul servizio

Sì, ok, ma in soldoni cosa succede? Succede che abbiamo sempre dei feed XML aggiornati automaticamente con tutte le informazioni necessarie all’attivazione delle campagne Google Shopping. Eureka! :) 

Quanto tempo abbiamo risparmiato? Tanto, te lo posso assicurare. E tutto questo tempo extra lo impieghiamo per ottimizzare le campagne così da ottenere sempre il massimo! 

Abbiamo già sfruttato questo servizio su diversi progetti di e-Commerce, tra cui Marbec, e i risultati sono ottimi: un ROAS aumentato del 540% da gennaio a maggio 2020

Campagne Google Shopping e automazione del feed: perché per noi è un sì

Ideali per aumentare le vendite di un e-Commerce, le campagne Google Shopping, sono un grande asso nella manica per ogni Digital Strategist. 

I vantaggi di una campagna Shopping ben gestita, anche grazie a un feed XML sempre aggiornato, sono molti: 

  • enorme visibilità: i risultati delle campagne Google Shopping compaiono sopra quelli della Rete di Ricerca e sopra i risultati organici con un impatto positivo in termini di visibilità;
  • lead più profilati: dato che gli annunci di una campagna Google Shopping sono caratterizzati da molte informazioni come l’immagine del prodotto e il prezzo, le visite ottenute sul sito saranno molto più profilate. L’utente che clicca sull’annuncio ha già un’idea chiara su cosa aspettarsi e sarà più propenso alla conversione;
  • gestione efficace e snella: grazie al Google Merchant Center e, soprattutto, a una gestione automatizzata del feed XML con il quale si inviano i prodotti a Google, la creazione degli annunci è veloce e immediata. L’inventario dei prodotti proposto con gli annunci sarà poi sempre aggiornato. Dopo un setup iniziale più elaborato, la gestione successiva sarà molto più immediata e semplice;
  • reportistica dettagliata: con le campagne Google Shopping si può avere una panoramica molto precisa su come i prodotti sponsorizzati stanno performando. Infatti è possibile verificare quanti click ha ricevuto un determinato articolo e identificare le opportunità di miglioramento in un batter d’occhio. 

Hai un e-Commerce su WooCommerce e vuoi aumentarne le vendite? Contattaci :)

Vuoi saperne di più?

Iscriviti e riceverai gratuitamente sulla tua mail news, insight e report mensili sui trend del momento.

Registrandoti confermi di accettare la nostra privacy policy.


Condividi

Premetto che le biografie non sono il mio forte e che ammiro chi, in poche decine di parole, riesce a dare una descrizione di sé arguta e a farti pensare "Cavolo, vorrei saper scrivere così anch'io!". Sono un po' timida e vado d'accordo con i gatti. Nel mio lavoro applico tre doti secondo me fondamentali: umiltà, buonsenso e capacità di adattarsi al cambiamento. D'altronde nel settore digitale quello che era vero ieri, oggi potrebbe non esserlo più. In ordine sparso mi piace/piacciono: le serie TV thriller, riempire - e spesso abbandonare - i carrelli dei negozi online, i numeri divisibili per 3, l'odore dei tigli in fiore, le lenzuola fresche di bucato, le fusa, il cappuccino.

 Invio email in corso, yeah!
Richiesta inviata
Il tuo indirizzo email risulta già iscritto
C'è stato un problema riprova più tardi