Il team è tratto: quali sono le personas ideali per formare una buona squadra di design?

Parole Alice Bresci
Tempo di lettura 7

Se un unico designer non può avere tutte le qualità ottimali sviluppate al massimo, un team sì. Vediamo allora quali sono alcune di queste caratteristiche che, se ben amalgamate, fanno funzionare davvero un progetto.

Q

L'abilità e il talento individuali nel design contano, ma non bastano. Per ottenere il massimo da un progetto sono necessari una gestione sensibile, una leadership visionaria e operazioni ben gestite. Se un’unica persona non può avere tutte le qualità ottimali sviluppate al massimo, un team sì. 

Vediamo allora quali sono alcune di queste caratteristiche che, se ben amalgamate, fanno funzionare davvero un progetto.

Empatia

Un buon design si basa molto sulla capacità di empatizzare con l'utente. Comprendere e anticipare quelle che possono essere le esigenze, le richieste e soprattutto le aspettative delle persone che utilizzeranno un determinato prodotto o servizio è davvero importante e molto spesso è ciò che fa la differenza tra un progetto bello che funziona e uno magari impattante, ma poco usabile.

Progettare con empatia vuol dire anche avere una personalità empatica perché sono necessarie una sensibilità e un’intelligenza emotiva che esulano dalla mera conoscenza della materia. Naturalmente entra in gioco anche la realtà di ciò che deve funzionare per il business e spesso il compromesso è necessario, dunque diplomazia e capacità di mediazione sono sempre necessarie, ma un buon livello di empatia permetterà al team di affrontare le sfide di progettazione più difficili.

Passione

Ci deve essere un desiderio alla base e una sincera cura per mantenere la promessa iniziale per garantire il successo di un progetto. Avere passione significa fare il possibile, ma anche godersi i passaggi del lavoro dall’inizio alla fine. Percepire la passione da parte di un team vuol dire accrescere la motivazione e creare un ambiente di lavoro positivo. Avere persone appassionate in un gruppo fa un'enorme differenza per il successo della realizzazione di un prodotto o un servizio.

Positività

Possono capitare durante la realizzazione di un progetto momenti difficili o di sconforto. Può succedere che un’idea funzionale e giusta venga rifiutata magari per motivi legati al business o a particolari accordi aziendali. Anche questo fa parte del gioco, ma avere un’influenza positiva accanto che trova il lato migliore di ogni cosa e riesce a riportare il buonumore e l'entusiasmo anche quando si deve rivedere un’idea solida e valida è fondamentale. 

Attenzione al dettaglio 

Una visione d’insieme che funziona è fatta da tante piccole parti da curare in ogni minimo dettaglio. Talvolta questo può voler dire passare anche molto più tempo del previsto su singoli aspetti, ma è anche ciò che può fare la differenza tra un risultato sufficiente e uno superlativo! Allo stesso tempo, la ricerca continua della perfezione può portare alla paralisi di un progetto. Spesso infatti i punti deboli possono essere risolti solo andando avanti con il lavoro, per cui sarà anche importante affidarsi al processo iterativo.

Pazienza

Ci sono aspetti che non saranno subito evidenti, ma che emergeranno dopo un po’ di tempo. Essere particolarmente pazienti è necessario soprattutto nella gestione dei cambiamenti. Aspettare di vedere i frutti del proprio lavoro, essere disposti a tornare sui propri passi e aspettare che i tempi siano giusti senza forzarli e agire in modo impulsivo aumentando la possibilità di sbagliare è essenziale. E attenzione! Pazienza non vuol dire rallentare il lavoro o essere passivi, semplicemente capire quando è il momento giusto per agire in modo corretto nei confronti del progetto e nei confronti della persone che ne fanno parte. 

Creatività

La creatività in questo caso è intesa come la capacità di avere pensiero laterale e riuscire a vedere oltre ciò che si ha davanti agli occhi per creare qualcosa d’altro, di nuovo, di utile. Creatività nel design vuol dire riuscire a instaurare collegamenti tra aspetti apparentemente distanti per poi rielaborarli nell’ottica di un progetto. Creatività è tutto ciò che è nuovo, che non era stato detto, fatto o pensato prima, un’intuizione che non solo è bella, ma funziona. Spesso è la curiosità il motore principale che apre la mente a nuovi orizzonti. 

Come si combinano queste qualità nelle nostre personas del design?

Quelle che abbiamo visto sono solo alcune delle caratteristiche che ci guidano verso il buon design. Vediamo adesso come queste caratteristiche si combinano nelle nostre personas del design e come queste doti sono distribuite tra le diverse figure del team. 

Il leader

I leader sono designer con esperienza e capacità di gestione. Non sono manager di per sé; il design leader è sullo stesso piano di qualsiasi altro membro del team e, soprattutto, il suo è un riconoscimento che arriva dal basso. Sono gli stessi compagni ad attribuire al leader in modo naturale questo ruolo. Il vero merito di un leader esperto è che può guidare la squadra con sicurezza, anticipando e prevenendo molte delle insidie ​​che si possono trovare lungo il percorso.

Il leader ama la sostanza perché per costruire qualsiasi tipo di valore ci vuole una base solida e lo sa bene, mentre vede nella superficialità mancanza di impegno.

Empatia, pazienza e cura del dettaglio sono sicuramente tre doti che a un buon leader non possono mancare. 

 

Leader di un team design

 

Il creativo

Il talento eccezionale che non pensa in modo lineare. Vede schemi nascosti e invisibili alla maggior parte delle persone. Il suo talento spesso gli permette di risolvere i problemi quasi senza sforzo ed è fonte di ispirazione per gli altri membri del team. Talvolta può mancare di pazienza e agire in modo impulsivo, può non essere troppo predisposto a rispettare le scadenze, ma questo fa sempre parte del gioco.

Ama le novità, non lo entusiasmano invece i progetti a lungo termine. Le sue doti più spiccate sono la creatività e la passione, ma non chiedetegli di aspettare...

 

Designer creativo

 

L'artigiano

Il design potrebbe essere raccontato come la capacità di adattare l'immaginazione all’utilità. L'artigiano è un designer profondamente devoto a questo concetto, il suo motto è: tutto ciò che è bello è arte, ciò che bello e utile è design. Il design è un'attività pianificata con obiettivi specifici. 

L’artigiano non ama esporsi troppo, trova il maggior appagamento nel risultato nel suo lavoro e conosce in maniera molto precisa e approfondita la sua materia. Non sopporta l'incompetenza e la superficialità. 

È guidato da una passione gentile, ma profonda e l’attenzione ai dettagli è il suo punto di forza indiscusso. 

 

Designer attento ai dettagli

 

L’esploratore

Farsi domande, cercare risposte. Andare al di là di quello che potrebbe essere sufficiente sapere per portare a casa il risultato. Approfondire, conoscere. L’esploratore arriva fino in fondo alle cose, vuole capirle davvero per poi restituire l’essenza di ciò che è più utile. 

Fondamentale per realizzare progetti di qualità, ha la capacità di incantare chi lo ascolta mentre racconta ciò che ha studiato fin nei minimi dettagli. Il suo difetto principale è quello di rischiare di continuare ad approfondire senza arrivare mai al dunque, ma in questo lo soccorrerà prontamente l’artigiano che farà confluire le sue scoperte con la genialità del creativo per dare (lunga) vita al progetto.

Pazienza, attenzione al dettaglio e passione sono le caratteristiche principali che contraddistinguono l’esploratore.

 

UX designer caratteristiche

 

L'esperto

La maggior parte dei progetti, specialmente in ambito tecnologico, richiede un esperto in materia. Questa è la persona che possiede una conoscenza verticalizzata e dunque molto approfondita in un campo specifico. Nessuno meglio dell’esperto conosce la materia e su questa si informa, si tiene sempre aggiornato.

Attenzione al dettaglio e passione per ciò che fa sono due aspetti che non possono mancare a questa figura del team. 

 

Designer esperto

 

Perché è fondamentale considerare le caratteristiche di ogni membro del team design?

Nel momento in cui si forma il team design di un progetto è davvero molto importante considerare le caratteristiche di ciascun membro del gruppo; caratteristiche che vanno al di là del mero ruolo da ricoprire, ma che devono tenere in considerazione le attitudini personali di ognuno perché è ciò che può determinare il raggiungimento e talvolta il superamento delle aspettative. 

I bravi web designer devono essere innanzitutto ottimi giocatori di squadra. Riconoscere i punti di forza delle persone è un primo passo utile nella creazione di un team a tutto tondo e tutti i membri devono avere uno scopo condiviso. I team di successo hanno bisogno di uno scopo condiviso che stabilisca la loro identità e l'impatto che avranno. E per mantenerlo ogni figura deve essere resa partecipe di ogni passaggio dall’inizio alla fine. 

Sostenere l’intero viaggio permetterà di sviluppare positività, pazienza e empatia nei confronti del gruppo, creando mosaici interessanti, soluzioni inaspettate e soprattutto progetti di design di qualità. 

Alice Bresci

UX Copywriter

Dopo aver frequentato la Facoltà di Lettere e rimandato il più possibile la risposta alla domanda “cosa vuoi fare nella vita?”, ho scoperto che per fortuna esistono lavori che ti permettono di cambiare all'infinito. Mi piace leggere, ...